Carla Leonelli: un’arte vista col cuore degli occhi

“Sono donna. Una donna è un veicolo di vita, dà vita e nutre.

I suoi poteri sono quelli della Dea Terra.

Le questioni dell’anima femminile, espresse in molte mie opere non possono essere trattate modellando la donna in una forma definita più “accettabile” per una cultura inconsapevole, né può essere piegata in una forma artisticamente più accettabile per coloro che pretendono di essere unici portatori della consapevolezza.”

Scultrice contemporanea e artista originale che attraverso le sue creazioni vuole, come lei stessa afferma, “oltrepassare il limite, mettersi in gioco, cercare incontri stimolanti, cercare di crearsi un suo percorso, individuare un po’ a istinto ciò che le serve per crescere libera da condizionamenti e regole cui obbedire”.

“Origini” terracotta e rame, 40x40x10, 2000-2003.


Leonelli

“Origini” terracotta, 200x200, allestimento Mostra Segni, spessori, forme e materie, Castello di Santa Severa (RO), 2020.


Il suo rapporto viscerale con la terra è manifesto, lavorare con la creta per lei è una forma di liberazione, le sue opere in terracotta vogliono essere “un omaggio alla fertilità, un omaggio alla Madre Terra, al pianeta che è la grande fucina della vita”. 
Per lei il rapporto con la terra è essenza e il suo essere donna consiste nel sentirsi parte di un tutto, del mistero della terra “che nasconde la sua fecondità indispensabile per tutto ciò che vive”.

Foto tratte da “Col cuore degli occhi” di Carla Leonelli a cura di Irene Scarascia e Lamberto Fabbri.